image
13Mag

Dichiarazione di successione

 

CHE COS'E'

La dichiarazione di successione è un adempimento obbligatorio, di natura prevalentemente fiscale, attraverso il quale viene comunicato all’Agenzia delle Entrate il subentro degli eredi nel patrimonio del defunto, al fine di calcolarvi le imposte che devono essere pagate.

 

QUALI BENI DICHIARARE

La dichiarazione di successione comprende tutti i beni e i diritti di cui il defunto era titolare in vita che corrispondono al suo patrimonio, tecnicamente definito attivo ereditario (dal quale è possibile dedurre i debiti, ossia il cosiddetto passivo ereditario). Tra questi beni e diritti vi rientrano:

  • i beni immobili e quindi fabbricati e terreni
  • i beni mobili e titoli al portatore posseduti dal defunto o depositati presso altri a suo nome
  • denaro, gioielli, preziosi e mobilia (tra cui quadri ed opere d’arte)
  • rendite, pensioni e crediti
  • aziende agricole e commerciali, quote sociali, azioni o obbligazioni
  • navi, imbarcazioni e aeromobili che non fanno parte di aziende.

 

CHI DEVE PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

 

  • gli eredi, i chiamati all'eredità e i legatari o i loro rappresentanti legali
  • i rappresentanti legali degli eredi o dei legatari
  • gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta
  • gli amministratori dell’eredità
  • i curatori delle eredità giacenti
  • gli esecutori testamentari
  • i trustee.

Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione è sufficiente presentarne una sola.

Contribuenti esonerati: Non c'è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

 

ENTRO QUANDO PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

La dichiarazione di successione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che, di norma, coincide con il momento del decesso del de cuius.  Se presentata successivamente, espone chi è tenuto a sanzioni di carattere amministrativo che aumentano all’aumentare del ritardo.

 

DOVE PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

Da predisporre su apposito modello a disposizione presso l’Agenzia delle entrate, la dichiarazione deve essere presentata presso l’Ufficio delle Entrate nella cui circoscrizione era fissata l’ultima residenza (domicilio fiscale) nel caso in cui il de cuius fosse residente in Italia.

Nel caso in cui il defunto fosse residente all’estero, la dichiarazione di successione andrà presentata presso l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate nella cui circoscrizione era stata fissata l’ultima residenza italiana. Se però non è nota l’ultima residenza italiana, la dichiarazione è da inoltrarsi presso l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate di Roma 6.

 

⇓  DOWNLOAD MODELLI DI DICHIARAZIONE

Modello da utilizzare a partire dal 15 Marzo 2018

Modello vecchia versione

NEWS CORRELATE

protesti
13 Mag
Registro protesti: le Informazioni sui mancati pagamenti dei titoli di credito

Il protesto è un atto redatto da parte di un Pubblico Ufficiale Levatore con il quale si accerta il mancato pagamento di un titolo di credito.

debitore irreperibile - i servizi di FOAL
13 Mag
Debitore irreperibile: cosa fare quando chi non paga non si fa trovare

In fase di recupero crediti, può accade che il debitore risulti irreperibile. Che fare in questi casi? C’è ancora modo di ottenere il pagamento di quanto dovuto? Assolutamente sì. Ecco come.

Informazioni Commerciali
01 Ago
Informazioni investigate per il recupero crediti: la ricerca del debitore.

Primo passo per un’azione di recupero crediti: ritracciare il debitore. Una operazione non sempre scontata e semplice, che si scontra spesso con cambi di residenza e divari anche sostanziali tra residenza formale ed effettiva. Cerchiamo di chiarire questo primo passo del processo di recupero crediti.